Bootstrapping in una startup: cos’è e quando usarlo

Redazione BacktoWork 08/12/2020

Il termine bootstrapping, applicato a una startup innovativa, è l’azione di autofinanziamento di un’azienda nella sua fase di avvio. Il termine, che in inglese significa “tirarsi su da soli senza aspettare l’aiuto di nessuno”, è mutuato anche dal linguaggio informatico dove rappresenta un processo di autoavviamento che non ha origine da input esterni.

Con una startup appena avviata, con un prodotto o servizio non ancora offerto ai clienti e, soprattutto, senza che questo sia stato validato sul mercato, per uno startupper risulta difficile trovare fondi per il proprio business. È di norma impresa ardua attingere a finanziamenti di venture capital o fare affidamento sui business angel, in questa fase: il bootstrapping è un valido aiuto per l’imprenditore per avviare più velocemente la propria azienda. 

Bootstrapping: quali sono i vantaggi

Ricorrendo all’autofinanziamento, l’imprenditore può trasformare una scelta oggettivamente difficile in opportunità di crescita. Sono diversi, infatti, i vantaggi che un’impresa può avere da questo strumento: 

  • La startup può affrontare le fasi iniziali del suo ciclo di vita più velocemente
  • Gli sforzi saranno maggiormente concentrati sullo sviluppo del prodotto o servizio, piuttosto che nella ricerca di investitori
  • L’azienda può adottare una filosofia più accurata sulle esigenze dei clienti
  • La possibilità di mantenere il controllo dell’azienda e il potere decisionale di scegliere oculatamente gli investitori, evitando di far entrare speculatori

Alcuni consigli per migliorare la propria impresa con l’autofinanziamento

Optata la via dell’investimento dei propri risparmi su un’impresa innovativa, l’imprenditore dovrà essere capace di trasformare la limitata quantità di denaro nelle casse in opportunità.

Per iniziare si dovrà studiare bene il mercato di riferimento e il feedback dei clienti al prototipo proposto, così facendo è possibile capire se si procede nella giusta strada o se necessita un pivot; potrà puntare sulla fidelizzazione di clienti già acquisiti e acquisirne nuovi, mettendo la propria idea in relazione con quella dei competitor.

Evitare sprechi di denaro con investimenti inutili. Si potrebbe pensare di affidarsi a piattaforme di outsourcing per tagliare i costi fissi a favore di costi variabili, il che porterebbe ad abbassare anche il prezzo del prodotto sul mercato.

Il bootstrapping può essere molto gratificante oltre che formativo, l’imprenditore dovrà migliorare, infatti, le proprie skill se vuole sfruttare al meglio la totale autonomia: bisognerà, dunque, pianificare tutto attentamente.




Potrebbe interessarti anche:

startup & pmi

Startup: cosa sono e con quali obiettivi nascono

startup & pmi crowdfunding

Startup, misure e incentivi fiscali per superare la crisi

startup & pmi crowdfunding

Come investire i propri risparmi nel 2020


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!