PMI italiane, le tecnologie e le figure professionali indispensabili nel 2021

Redazione BacktoWork 16/02/2021

Un anno di pandemia globale da Coronavirus ha lasciato una forte crisi economica. Per poter superare questa recessione non bastano gli aiuti economici alle imprese: le PMI devono al più presto sfruttare tutte le innovazioni tecnologiche esistenti stare al passo con i tempi con gli ultimi sviluppi della scienza. E devono superare il digital divide con altri Paesi.

Quali sono le migliori tecnologie che possono essere sfruttate? Ne abbiamo individuate alcune da tenere d’occhio e una figura professionale che non può mancare in un’azienda completamente allineata alla trasformazione digitale.

In Italia ci sono circa 206 mila PMI che provvedono, da sole, al 41% dell’intero fatturato generato nel nostro Paese. La crisi economica può essere un’opportunità di riflessione sul divario tecnologico delle nostre piccole e medie imprese rispetto agli altri Paesi e dare un’accelerata al processo di trasformazione tecnologica in un mercato sempre più governato da logiche digitali. 

La digitalizzazione delle imprese

Sono poche le aziende italiane che sfruttano a pieno i vantaggi della presenza online. Non tutte le imprese sono dotate di un sito internet mobile-responsive. La digitalizzazione di un’impresa non può prescindere dalla presenza online e dalla capacità della stessa di sfruttare il marketing e la comunicazione digitale. 

Cloud Computing

La tecnologia che serve per la trasformazione digitale di un’azienda è il cloud computing: una serie di servizi fruibili on demand basati su risorse condivise pagabili in base al consumo, riducendo così il rischio. Strategicamente importante è tenere d’occhio soluzioni come il multi-cloud, un approccio che si regge su più fornitori, non è un caso che in Europa si parla di un cloud comunitario. 

Gestione e analisi dei dati 

In epoca di industria digitale il vantaggio competitivo raggiunto grazie a una sapiente gestione e analisi dei dati a disposizione non può essere sottovalutata. Sono molteplici le tecnologie che aiutano questo processo: gli strumenti per ottenere, analizzare i dati e trarne informazioni strategicamente rilevanti ma anche piattaforme di gestione degli stessi.

Intelligenza artificiale nelle fabbriche 

Probabilmente, nel settore industriale e manifatturiero bisognerà adattare i sistemi produttivi legandoli allo sviluppo dell’intelligenza artificiale: il machine learning, associato alla produzione è un beneficio per quanto riguarda la qualità e la sicurezza. Senza considerare che, date le restrizioni sugli spostamenti, è sempre più importante essere organizzati nel lavoro a distanza: visori e realtà aumentata sono un grande aiuto. 

Sicurezza informatica

Per poter dotarsi di un sito di e-commerce e poter vendere online i propri prodotti, le aziende dovranno dotarsi delle nuove funzioni di sicurezza imposte dalla Direttiva Europea sui servizi di pagamento. Dal gennaio 2021 tutte le transazioni online dovranno seguire il protocollo Strong Customer Authentication (SCA) ovvero l'autenticazione a due fattori.

Industrial Internet of Things

L’evoluzione dell’IoT applicato ai processi di produzione industriale. Le applicazioni sono varie: dall’uso in fabbrica per quanto concerne la sicurezza, il controllo qualità, la gestione, la manutenzione alla logistica, passando dal miglioramento del processo di sviluppo dei nuovi prodotti.

Re-skill a distanza

Tenendo in ferma considerazione che lo sviluppo delle tecnologie è in continua evoluzione, per stare al passo con i tempi servono continui corsi di aggiornamento. Ma anche la formazione richiede dei corsi specializzati. Dotarsi di piattaforme di e-learning e strategie di pianificazioni per la didattica a distanza appare fondamentale.

Relazioni con i clienti più smart

Sempre legato allo sviluppo dell’Intelligenza Artificiale nelle industrie, le PMI dovrebbero implementare strumenti per rendere più agili le conversazioni. I bot conversazionali – o chatbot – sono degli strumenti utili sia per quanto riguarda il customer service che le comunicazioni interne all’azienda. 

Droni e 5G

In stretta relazione con le aziende che operano nel settore agricolo, l’uso di droni connessi con reti 5G possono migliorare l'efficienza e la resa industriale. Le macchine possono monitorare lo stato delle piante, la maturazione e la crescita. Usati da remoto possono aiutare a proteggere le coltivazioni attraverso l’uso di termo-scanner che verifica l’eventuale presenza di parassiti e suggerire interventi mirati.

Figure professionali indispensabili

Secondo gli analisti, per favorire la transizione digitale le PMI avranno bisogno di un Innovation Manager ma non solo. Vista la direzione in cui vira il mercato, il digitale, è fondamentale la cybersecurity. Le imprese dovranno, quindi, essere affiancate da un responsabile per le protezione dei dati (DPO): un esperto che conosce bene tutte le direttive sul trattamento dei dati ma anche di business digitale. 


Potrebbe interessarti anche:

startup & pmi

Startup: cosa sono e con quali obiettivi nascono

startup & pmi crowdfunding

Startup, misure e incentivi fiscali per superare la crisi

startup & pmi crowdfunding

Come investire i propri risparmi nel 2020


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!