Stefano Donadio (Naicons): “Vogliamo accelerare i processi di scoperta di nuovi farmaci”

Redazione BacktoWork 07/06/2021

La ricerca nel campo della medicina e della salute è importante per offrire al mondo intero delle cure all’avanguardia e dei farmaci sempre più innovativi ed efficaci. L’obiettivo di Naicons si concentra proprio sull’innovazione dei processi di ricerca: ne abbiamo parlato con il founder Stefano Donadio e con il co-founder Ermenegildo Beghé.

Di cosa si occupa Naicons e cosa ha spinto maggiormente Stefano Donadio ad intraprendere questo percorso? 

Siamo partiti alla fine del 2013 con questo progetto, sono oltre sette anni che Naicons si occupa di gestire una piattaforma tecnologica che ha la capacità di scoprire molecole per una molteplicità di applicazioni nei settori pharma per uso umano, animale e vegetale, oltre che molecole da usare come additivi nei beni di largo consumo. Facciamo un’attività di supporto a ricerca e sviluppo che si rivolge principalmente ai centri di ricerca privati e anche a quelli pubblici. 

Il merito di questo progetto è anche del mio compagno di avventura Gildo. Abbiamo messo a punto il progetto e lui ha pensato a come finanziarlo. Da lì in poi abbiamo iniziato a lavorarci e alla fine abbiamo scelto il crowdfunding come meccanismo che ci sembrava il più adeguato a raccogliere i fondi necessari a co-finanziare lo sviluppo dell’attività. 

A chi si rivolge principalmente il progetto di Naicons?

Il nostro progetto è di fatto una soluzione che si rivolge al mondo dei ricercatori che operano in diversi settori afferenti alle scienze della vita e che cercano molecole per diversi usi e applicazioni. Naicons ha una grande esperienza di ricerca e si è accorta dell’opportunità di accelerarne i processi. L’idea fondamentale è quella da un lato di trasformare la ricerca in maniera sempre più produttiva, ovvero in grado di ottenere maggiori risultati, dall’altro di rendere il tutto sempre più efficiente: ciò vuol dire anche ridurre le quantità di risorse dedicate. In questo periodo in cui c’è un aumento costante della popolazione mondiale e dei livelli di benessere è importante riuscire a rendere più produttiva la ricerca, direzionando la stessa in maniera efficace. 

Tutto ciò ci ha spinto ad intraprendere con convinzione questo progetto. Il mondo a cui si rivolge è quello dei ricercatori che operano nelle industrie - dalle multinazionali alle piccole e medie imprese - nell’ambito di diversi settori, oppure presenti all’interno del mondo accademico.

Naicons è un progetto Made in Italy, si può aprire ai confini europei e internazionali, vista soprattutto l’importanza che ricopre la ricerca? 

Sicuramente, noi siamo una realtà italiana ma di spirito internazionale. Molti del team hanno esperienza internazionale e i nostri prodotti si rivolgono ad una platea che va oltre i confini italiani. Non abbiamo mai pensato solamente all’Italia perché non avrebbe senso. 

NAICONS

il primo motore di ricerca dedicato alle molecole naturali

Scopri il crowdfunding →

Quali sono gli obiettivi che Naicons si è prefissata nell’arco dei mesi a seguire?

L’obiettivo principale è certamente quello di sviluppare un progetto in cui crediamo molto. Senza entrare nei tecnicismi possiamo dire che vorremmo arrivare ad un catalogo accessibile via Internet da parte dei ricercatori per settembre 2022. Vorremmo poi iniziare a generare ricavi dalla cessione della licenza e dalla vendita di asset resi più visibili grazie a questo progetto, dalla fine del 2022.
Un altro obiettivo è cominciare con le prime sottoscrizioni al catalogo a metà del 2023. Il piano è di far crescere il progetto in modo costante, incrementando di conseguenza i ricavi

Esiste anche una terza linea di ricavi perché la piattaforma potrà diventare un marketplace anche per altre entità già proprietarie di collezioni di microrganismi. A livello prudenziale abbiamo ritenuto che le royalty, generate da questa attività di marketplace, potrebbero iniziare a svilupparsi verso inizio o metà del 2025. È una stima piuttosto conservativa perché potrebbero effettivamente attivarsi anche prima. 

Far conoscere il più possibile il mondo Naicons è quindi importante, ma qual è la vostra strategia di comunicazione? 

In gran parte facciamo affidamento sul nostro network, ne abbiamo uno piuttosto importante a livello internazionale con il quale interagiamo in modo continuativo. Questa è la strategia che abbiamo utilizzato almeno per il momento, oltre ad affidarci al crowdfunding per la comunità di investitori italiani

Sicuramente sappiamo che uno dei passi successivi sarà quello di aumentare le nostre attività di comunicazione perché sino ad oggi abbiamo avuto un approccio piuttosto mirato e conservativo. 

Quali sono le peculiarità di Naicons e cosa vi distingue dalla concorrenza nel settore?

In realtà non abbiamo molta concorrenza in questo settore perché ci sono pochissime entità o società che sono proprietarie di collezioni di microrganismi come la nostra. Queste ultime però non forniscono accesso ai dati ed alle informazioni approfondite associate alle proprie molecole, cosa che invece facciamo noi. Noi in realtà stiamo facendo proprio questo, stiamo sviluppando la mappatura del patrimonio di microrganismi di proprietà di Naicons, rendendolo accessibile al mercato in modo semplice ed esaustivo con il catalogo micro4all.
Poi ci sono altre società che invece hanno i dati ma non hanno i microrganismi o le molecole sottostanti. Danno quindi una serie di informazioni all’utilizzatore, ma poi lo stesso deve cercare quella particolare molecola o microrganismo, e la cosa non è agevole. Stiamo quindi parlando di un progetto particolarmente innovativo sotto tanti punti di vista. 

Come intendete utilizzare i fondi raccolti grazie alla campagna di crowdfunding?

Innanzitutto acquisteremo uno strumento sofisticato che ci permetta di pesare le molecole con alta precisione e porteremo in Naicons competenze bioinformatiche nel settore della metabolomica. Oltre a questo, daremo vita all’attività di marketing

Se dovessimo superare l’obiettivo minimo avremo le potenzialità di espandere il progetto, acquisendo altri macchinari utili ed accelerando le operazioni di marketing ed il lancio del catalogo.

La pandemia ha modificato o comunque condizionato il modo di lavorare di Naicons? 

Il periodo della pandemia ci ha aiutato, e spiego anche il perché. La gran parte dei ricercatori tende a generare molti dati, ma non trova mai abbastanza tempo per analizzarli. Durante il primo periodo della pandemia, quindi in pieno lockdown, i laboratori erano chiusi e allora i ricercatori si sono messi ad analizzare i dati. Ciò ha determinato una notevole spinta al progetto, non dico che se non ci fosse stata la pandemia non sarebbe mai partito, però certamente ha aiutato ad anticipare i tempi

In che modo secondo Ermenegildo Beghé è fondamentale lavorare nel settore della ricerca, in modo particolare in questo periodo?

La pandemia, dal punto di vista di interpretazione concettuale della nostra era, ha reso cosciente il pubblico dell'importanza della scienza e della ricerca che ne rappresenta la base. La pandemia ha anche evidenziato quanto sia importante la rapidità dei processi. Pensiamo quindi che il nostro progetto, che ha l'obiettivo di migliorare i processi di ricerca al fine di renderli più produttivi, mirati, rapidi ed efficienti, possa essere particolarmente apprezzato dalla platea di investitori in periodi come questo. 


Potrebbe interessarti anche:

health green

Il biotech italiano in prima linea per una ripartenza sostenibile

startup & pmi health

Le startup rivoluzionano la sanità in Italia

health crowdfunding

DaVinci Healthcare, Stefano Casagrande: “Il futuro è l’assistenza sanitaria da remoto”


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!