Spin-off aziendale o universitario: un processo per la creazione di nuove imprese

Redazione BacktoWork 31/10/2021

Collegato ma non sovrapponibile al concetto di startup, lo spin-off si riferisce ad un modo di fare impresa che può nascere all’interno di un’azienda oppure derivare da un contesto universitario o di ricerca.

Spin-off, che dall’inglese si traduce in “scorporo” o “scissione”, è una locuzione utilizzata per definire due diverse tipologie di processi: la separazione di una specifica attività nell'ambito aziendale e, quindi, la conseguente formazione di un'impresa autonoma che ha come business fondamentale lo sviluppo dell'attività oggetto della separazione; la creazione di una nuova iniziativa imprenditoriale da parte di soggetti inseriti in un'organizzazione pre-esistente.

Pensando in maniera più circostanziata alla classificazione degli spin-off, si rileva una divisione in due macroaree: quella che riguarda la ricerca universitaria, e gli spin-off aziendali.

La genesi accademica

Nel primo caso la filiazione è determinata tipicamente da uno o più professori, oppure ricercatori, dottorandi, borsisti dell’università o di altri enti pubblici di ricerca, che avviano un’attività imprenditoriale indipendente, basata sullo sviluppo e la valorizzazione dei risultati delle attività di ricerca svolte all’interno dell'organizzazione di provenienza.

Il legame con la struttura “madre” può rimanere anche piuttosto forte, e generalmente è prevista la partecipazione dell’ateneo sia da un punto di vista formale che da un punto di vista sostanziale.

Dall’interno dell’impresa

Lo spin-off aziendale, invece, si ha quando una nuova azienda viene creata da un’impresa che già esiste, dove quest’ultima, in accordo con i propri valori aziendali o per un generale orientamento legato all’open innovation, incoraggia i propri dipendenti a considerare l’ipotesi di costituire una nuova realtà, su cui spesso esercita una qualche forma di controllo e indirizzo.

Il rischio imprenditoriale qui è mitigato dall’opportunità di sfruttare conoscenze, relazioni, competenze maturate nel contesto professionale di provenienza, e il nuovo progetto, solitamente, ha un forte contenuto innovativo e non rientra nel perimetro d’attività dell’azienda. Per questo si preferisce creare un soggetto a sé stante, ma capace di fare leva su competenze imprenditoriali e professionali acquisite all'interno dell'impresa.

L’incubazione di una nuova realtà è considerata un momento chiave della scissione mediante costituzione di una nuova società, specie quando avviene in un contesto creativo, “agile”, ricettivo e distante dai processi interni. La rigidità delle organizzazioni troppo strutturate metterebbe a repentaglio lo sviluppo imprenditoriale e quindi ostacolerebbe il successo di uno spin-off. 

Spin-off e Startup

Molte startup nascono come spin-off, è il caso in particolare di molte startup deep-tech create da team di ricercatori. Ma concettualmente i due termini vanno tenuti separati. Con spin-off come abbiamo visto si fa riferimento ad una modalità di genesi aziendale che porta alla creazione di una nuova e autonoma realtà imprenditoriale che, proprio perché "figlia” di una organizzazione già esistente (sia essa un'università, un istituto di ricerca o una grande azienda), con questa generalmente mantiene solidi legami e intrattiene una stretta collaborazione per lo sviluppo di progetti e attività comuni. 


Potrebbe interessarti anche:

startup & pmi

Startup: cosa sono e con quali obiettivi nascono

startup & pmi crowdfunding

Startup, misure e incentivi fiscali per superare la crisi

startup & pmi crowdfunding

Come investire i propri risparmi nel 2020


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!