Wealth Management & planning: le cose da sapere

Redazione BacktoWork 15/02/2022

Ecco com’è cambiato il Wealth Management & Planning, cioè la gestione del patrimonio personale, via via che la digital transformation è entrata nelle nostre vite con le sue piattaforme di servizio

La gestione patrimoniale, in inglese Wealth Management, è un servizio di consulenza coadiuvato sempre più da strumenti digitali che si basa su un set di abitudini piuttosto semplici: si predispone un budget, si elencano entrate e spese, si guardano le voci corrispondenti, si valuta la tipologia di risparmio che fa al caso proprio.

Queste, le basi, con la faccenda che si fa, ovviamente, più complessa man mano che l’entità dei beni da amministrare cresce.

Per gestire in maniera quanto più oculata possibile il proprio patrimonio, qualunque esso sia, esiste oggi una molteplicità di strumenti a supporto che permettono di effettuare in maniera efficace il monitoraggio, le analisi predittive e la gestione.

Strumenti articolati

In pratica, con un’unica piattaforma si possono controllare tutti gli aspetti fondamentali di un Wealth Management & Planning efficiente. Ovvero: il risparmio (per emergenze finanziarie), l’investimento (attraverso obiettivi finanziari), l’assicurazione (contro qualsiasi imprevisto), la pianificazione fiscale (per risparmiare tasse e fare investimenti fiscalmente efficienti), la previsione del pensionamento (per esempio, senza troppi oneri o in forma anticipata). 

Una buona soluzione di Wealth Management & Planning, quindi, si concretizza in un insieme di prodotti e di servizi dedicati alla gestione del risparmio e delle varie “ricchezze” di una famiglia in senso lato, e permette di impostare obiettivi finanziari, o pianificare le tappe di un pensionamento con funzioni che tengono traccia dei progressi e che aiuteranno a raggiungere specifici traguardi.

Per gli investimenti si possono attivare diverse opzioni come obbligazioni o fondi comuni d'investimento inserendo a sistema dati per valutare rapidamente il proprio profilo di rischio, e spesso si viene guidati con wizard ad hoc.

Si possono, inoltre, impostare fondi di riserva per accertarsi che eventuali crisi non si trasformino in autentiche calamità, nonché stipulare assicurazioni e proteggere la propria vita, quella dei congiunti o le proprietà.

Un grado di crescente sofisticazione 

I servizi migliori di pianificazione offrono anche contenuti premium. A volte sessioni di approfondimento per capire meglio i punti chiave del wealth management personale, virtuali o con un operatore.

Il processo di pianificazione finanziaria, in genere, viene strutturato secondo smart goal per ridurre al minimo i fattori di rischio, secondo diversi tratti: specifici, misurabili, raggiungibili, pertinenti e vincolanti in un arco di tempo prestabilito.


Potrebbe interessarti anche:

business management industry

Industria 4.0: i profili professionali più richiesti nel 2020

business management innovation economy

L'Innovation Manager: chi è, cosa fa, quanto guadagna

business management

Il cyber security manager: chi è, cosa fa, quanto guadagna


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!