Sandbox: un ambiente per le sperimentazioni Fintech

Redazione BacktoWork 15/07/2021

Già adottato in molti Paesi, e introdotto di recente anche in Italia, lo strumento del sandbox consente di testare le innovazioni nell’ambito della tecno-finanza, valutandone le implicazioni sul piano normativo e regolamentare.

Sandbox, il “recinto di sabbia” dove giocano i bambini, è il termine usato nel linguaggio informatico per indicare un ambiente di prova e di sperimentazione isolato, protetto e controllato, all’interno del quale i programmatori possono testare e sperimentare nuovi software e applicazioni minimizzando le interazioni con l’ambiente esterno circostante, e quindi evitando interferenze, conflitti, rischi e conseguenze potenzialmente dannose per la sicurezza.

Il termine - mutuato dal linguaggio informatico - è oggi adottato anche in ambito giuridico e finanziario con la medesima accezione di spazio isolato e controllato di sperimentazione. Il “regulatory sandbox” permette alle imprese fintech di godere di deroghe normative transitorie per sperimentare nuovi servizi e prodotti su scala ridotta, per un periodo limitato e in collaborazione con le autorità di vigilanza del mercato.

L’obiettivo è quello di creare un quadro normativo favorevole all’innovazione attraverso una fase di sperimentazione condotta secondo procedure e adempimenti semplificati di cui possono beneficiare le imprese e le startup che sono impegnate a sviluppare soluzioni innovative nei settori bancario, finanziario o assicurativo.


Potrebbe interessarti anche:

banking & finance

Fintech, la tecnologia che rivoluziona la finanza

banking & finance interviste

Paolo Sangalli, ex Vicepresidente IBM Italia: “Imprenditori di Pmi e startup, imparate la finanza”

blockchain banking & finance

Bitcoin: una criptovaluta su cui investire?


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!