Professioni digitali, il divario di genere che penalizza le donne

Redazione BacktoWork 19/04/2021

In Italia le donne continuano ad avere un accesso limitato al settore digitale in termini di educazione, carriera e opportunità, nonostante le nuove tecnologie siano uno dei più forti driver di cambiamento della nostra società. È la fotografia scattata da un recente studio di Università Bocconi e Plan International realizzato con il supporto di UniCredit Foundation.

I dati sul gender gap tecnologico in Italia

Il report evidenzia come, sulla base degli indicatori di “Women in Digital”, l’Italia occupi la 25esima posizione su 28 Paesi europei per parità digitale di genere, ben 12 posizioni sotto la media europea e davanti soltanto a Grecia, Romania e Bulgaria. 

A livello occupazionale il divario digitale di genere nelle discipline Stem (Science, Technology, Engineering and Mathematics) è allarmante, rileva la ricerca. In ambito scientifico-tecnologico, stando ai dati Almalaurea, a cinque anni dalla laurea solo il 45% delle donne ha una occupazione stabile, rispetto al 62% degli uomini. Nelle professioni legate al cloud computing sono uomini l’83% dei lavoratori, nell’ingegneria l’81% e nel data engineering il 69%, benché sia gli uomini che le donne percepiscano la tecnologia come un’opportunità e nella fascia di età 16-24 anni le competenze di base delle ragazze siano persino maggiori di quelle dei ragazzi. 

“Lo scollamento tra una percezione positiva nei confronti della tecnologia e la tendenza che porta le ragazze ad essere cinque volte meno propense dei ragazzi a intraprendere una carriera in ambito tecnologico inizia in famiglia, dove culturalmente è sottovalutata la capacità delle ragazze in ambito scientifico, e continua nella scuola, che non svolge un’adeguata azione di promozione della cultura scientifica tra le donne” spiega Paola Profeta, direttrice dell’AXA Research Lab on Gender Equality dell’Università Bocconi, tra i curatori dello studio.

Digital first, il futuro delle competenze

A confermare la necessità di favorire un accesso diffuso alla tecnologia e alle competenze digitali è anche un’altra ricerca pubblicata da Jfd x Bva e condotta su quasi quattromila persone in Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito.
Dal sondaggio emerge un ampio consenso riguardo al fatto che le professioni del futuro saranno fortemente legate al settore digitale, oltreché a quello sanitario e medico. Le competenze digitali sono considerate importanti per il 76% degli intervistati, davanti a quelle tecniche (74%). Tuttavia, il 50% nella fascia di età 15-29 anni ritiene di non avere una preparazione adeguata per intraprendere un percorso professionale nell’ambito delle nuove tecnologie. 

Potrebbe interessarti anche:

business management innovation economy

L'Innovation Manager: chi è, cosa fa, quanto guadagna

innovation economy

Cos'è una smart city? Definizione e caratteristiche

startup & pmi innovation economy

Come siamo ripartiti investendo sull’economia reale: così racconterò questa crisi a mia figlia


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!