Open Innovation: aprirsi all’esterno per innovare

Redazione BacktoWork 23/06/2021

Per sviluppare e gestire i processi di innovazione, sempre più imprese decidono di aprirsi a idee, soluzioni, competenze e modelli provenienti dall’esterno, attraverso forme di collaborazione con startup, università, istituti e centri di ricerca, ma anche società di consulenza e aziende consolidate non concorrenti. È il fenomeno dell’Open Innovation, teorizzato per la prima volta nel 2003 dall'economista statunitense Henry Chesbrough nel suo saggio "The era of Open Innovation". Un paradigma che afferma che “le imprese possono e debbono fare ricorso a idee esterne come a quelle interne, ed accedere ai mercati con percorsi interni ed esterni, se vogliono progredire nelle loro competenze tecnologiche”.

Benefici e approcci

L’innovazione aperta consente di ridurre i rischi e i costi legati all’innovazione chiusa e, al contempo, permette di condividere i benefici derivanti dalla collaborazione con altri soggetti, dando la possibilità di accedere a nuove tecnologie e conoscenze di frontiera e offrendo l’opportunità di sperimentare soluzioni innovative, di arricchire il proprio sistema di offerta e individuare nuove opportunità attraverso percorsi esterni ai propri confini o alternativi al proprio modello di business.

Le imprese che adottano il paradigma dell’Open Innovation lo fanno con due approcci

  • quello Inbound che incorpora stimoli esterni di innovazione all'interno dei processi aziendali; le iniziative più diffuse sono la collaborazione con università e centri di ricerca, la startup intelligence, lo scouting di partner tra imprese innovative e consolidate, la creazione di incubatori e corporate venture capital
  • quello Outbound per sviluppare esternamente spunti di innovazione nati internamente, attraverso l’utilizzo di modelli di business e piattaforme collaborative, joint venture con altre realtà, licensing dei propri prodotti. 

L’Open Innovation in Italia

A livello italiano, secondo i dati dell’Osservatorio Startup Intelligence del Politecnico di Milano, il 78% delle grandi imprese ha avviato iniziative di Open Innovation e il 45% ha attivato collaborazioni con startup. Mentre tra le PMI il 53% ha adottato pratiche di innovazione aperta e il 15% lavora con startup e imprese innovative.


Potrebbe interessarti anche:

business management innovation economy

L'Innovation Manager: chi è, cosa fa, quanto guadagna

innovation economy

Cos'è una smart city? Definizione e caratteristiche

startup & pmi innovation economy

Come siamo ripartiti investendo sull’economia reale: così racconterò questa crisi a mia figlia


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!