Minibond: uno strumento alternativo di finanziamento per le PMI italiane

Redazione BacktoWork 05/05/2021

Grazie ai provvedimenti introdotti nella legislazione italiana dal 2012 in avanti, la possibilità di emettere obbligazioni oggi non è limitata alle sole società quotate in Borsa. Il ricorso ai minibond consente infatti anche alle imprese di dimensioni minori di raccogliere fondi sul mercato dei capitali per finanziare progetti di crescita e di investimento.

Cosa sono

I minibond sono titoli di debito - obbligazioni e cambiali finanziarie - di piccolo taglio, emessi da società per azioni, società a responsabilità limitata e cooperative italiane non finanziarie (sono escluse quindi banche, assicurazioni e società finanziarie o di investimento).

Si tratta dunque di una forma di finanziamento alternativa e complementare al credito bancario, studiata soprattutto per venire incontro alle esigenze di imprese - tipicamente PMI - che vogliono aprirsi al mercato dei capitali e che intendono reperire risorse con cui finanziare piani di sviluppo, operazioni di refinancing, investimenti e acquisizioni. In questo senso non vanno intesi come uno strumento di supporto alle aziende in crisi, ma come un'opportunità di finanziamento rivolta ad aziende sane, con buone performance negli ultimi esercizi e con precisi programmi di crescita per i prossimi anni, che per motivi diversi decidono di fare a meno del credito bancario o, quantomeno, di integrarlo con strumenti di debito alternativi.

Chi può sottoscriverli: la novità dei minibond in crowd

L’investimento nei minibond fino allo scorso anno era riservato di fatto agli investitori istituzionali ed altri soggetti professionali. Generalmente i sottoscrittori tipici di queste obbligazioni sono gli organismi di investimento collettivo del risparmio, fondi, banche, assicurazioni, casse previdenziali, ecc.

Peraltro oggi la normativa, a seguito di alcune recenti evoluzioni, non impedisce che - sotto alcune condizioni - siano anche persone fisiche a investire nei minibond, limitatamente alle società per azioni. In quest'ottica una importante novità riguarda i minibond in crowd. Nel 2020 è infatti diventata operativa la possibilità per i portali autorizzati di equity crowdfunding di collocare minibond di SpA, attraverso una sezione dedicata della piattaforma destinata solo a investitori professionali e a particolari categorie di investitori retail non professionali. 


Potrebbe interessarti anche:

startup & pmi crowdfunding

Startup, misure e incentivi fiscali per superare la crisi

startup & pmi crowdfunding

Come investire i propri risparmi nel 2020

crowdfunding

News, interviste ed approfondimenti di BacktoWork e del mondo dell'equity crowdfunding


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!