green

Milano, Trento e Bologna le città più "circolari" d'Italia

Redazione BacktoWork 25/09/2020

Il capoluogo lombardo, che guida la classifica italiana, nel confronto europeo si posiziona al quarto posto, superando Londra e Madrid. È quanto emerge da una recente ricerca dell'Università di Milano-Bicocca.  

Sul piano dell'economia circolare - ovvero quell’economia basata sul riutilizzo delle risorse e sulla riduzione degli sprechi - l’Italia delle città, limitando l’analisi a quelle di medio-grandi dimensioni, mostra una grande eterogeneità, con i centri urbani più virtuosi concentrati prevalentemente al Nord. Secondo i ricercatori, infatti, è Milano la città più circolare in Italia, con 7,7 punti su 10, seguita da Trento (7,5) e Bologna (7,2). Le ultime posizioni sono tutte occupate da città del Sud Italia, con Catania (3,8) e Palermo (3,9) fanalini di coda. Le uniche città del Nord Italia ad avere un punteggio al di sotto della sufficienza sono Genova (5,8 punti), Verona (5,7 punti) e Aosta (5,2 punti). 

Nel determinare l’indice di circolarità urbana, in base al quale è stata stilata la classifica, sono stati presi in esame 28 indicatori, tra cui i dati sulla raccolta differenziata e sull'utilizzo dei trasporti pubblici o dei servizi di sharing mobility, il livello di concentrazione di PM10, la diffusione di eco-brevetti e di imprese ascrivibili alla categoria dei green jobs. 

Interessante è il confronto con le altre grandi metropoli europee: Amsterdam, Berlino, Bruxelles, Copenaghen, Londra, Madrid, Parigi e Praga. Utilizzando gli stessi criteri di analisi usati per il contesto italiano, la città più circolare d'Europa è risultata Copenaghen con un punteggio medio di 3,26 su 5. Al secondo posto Parigi (3,21), al terzo Berlino (3,18). Milano è quarta con un punteggio medio di 3,13, lasciandosi alle spalle, tra le altre, Londra e Madrid (sesta e settima).


Potrebbe interessarti anche: