startup & pmi innovation economy

Cosa prevede il Piano Colao per innovazione e startup

Chiara Riva 17/06/2020

Il Piano Colao, ideato dalla task-force fortemente voluta da Giuseppe Conte per tirare fuori l’Italia dalla crisi economica legata all’emergenza sanitaria Coronavirus, punta in modo deciso su startup e innovazione. 

Il documento dal titolo “Iniziative per il rilancio 2020-2022“ contiene oltre 100 schede e 121 pagine di analisi divise in sei grandi aree di intervento. Anzitutto, imprese e lavoro come “motore dell’economia”; infrastrutture e ambiente come “volano del rilancio”, turismo, arte e cultura come “brand del Paese”; pubblica amministrazione “alleata di cittadini e imprese”; istruzione, ricerca e competenze “fattori chiave per lo sviluppo” e infine indicazioni per “una società più inclusiva ed equa”.

Per quanto concerne le startup, quali sono le iniziative promosse dal piano Colao? Nello specifico, bisogna andare ad analizzare quanto contenuto al capitolo 4.1 “Imprese e Lavoro, motore dell’economia”.

Il piano Colao per le imprese e le startup

La strada da seguire per tirare fuori l’Italia dalla crisi economica è quella dell’innovazione. Il Piano Colao, inoltre, punta sul rafforzamento delle startup che sono particolarmente vulnerabili di fronte alla crisi in atto. Per Vittorio Colao e la sua task-force ciò si può ottenere agendo su diversi fronti.

Innovazione tecnologia e proprietà intellettuale 

L’obiettivo del Piano Colao è quello di incentivare l’innovazione tecnologica attraverso il ripristino e il potenziamento di misure di super- e iper-ammortamento previste per l’Industria 4.0. Si prevede una durata quinquennale per gli incentivi, oltre ad aumentare i limiti agli investimenti per i crediti R&D. Tra le altre misure si segnala anche il possibile ampliamento del regime del ‘patent box’. 

Startup e PMI innovative

Nuove misure di sostegno alle nuove aziende tecnologiche e PMI innovative. Per queste, il Piano Colao prevede un incremento delle agevolazioni fiscali che favoriscano l’investimento di individui, società, fondi specialistici. Ovvero, una detassazione dei proventi e un aumento dell’ammontare di detrazioni e deduzioni. Inoltre, la task-force di Colao prevede anche l’aumento dei massimali previsti per gli investimenti annuali. 

Sostenibilità e innovazione energetica

Al punto undici del capitolo 4.1 previsto dal Piano Colao si fa riferimento a incentivi per gli investimenti nella transizione energetica e sostenibilità delle filiere produttive italiane e a strumenti per finanziare gli investimenti in innovazione e sviluppo di tecnologie a bassa emissione.

Competenze gestionali e assunzioni specialistiche

Il piano Colao si pone l’obiettivo di incentivare il re-skilling manageriale così da stimolare l’adozione delle competenze necessarie per adattare i sistemi produttivi alle nuove esigenze del mercato del lavoro post-Coronavirus: defiscalizzazioni temporanee per la partecipazione a formazione gestionale e per l’assunzione di competenze esterne (inclusi neolaureati) nelle PMI.


Potrebbe interessarti anche: