logistics

Contract Logistics: la pandemia accelera l'innovazione del settore

Redazione BacktoWork 16/11/2020

Secondo l'Osservatorio Contract Logistics del Politecnico di Milano le startup logistiche nel mondo sono in forte aumento (501 quelle censite, +57% rispetto al 2018) e cresce anche l’ammontare complessivo dei finanziamenti raccolti, pari a 9,56 miliardi di dollari (+92% sul 2018). Nonostante la netta contrazione del mercato durante la fase più acuta dell’emergenza Covid, la spinta all'innovazione e alla digitalizzazione dei processi logistici non si è fermata, ma è persino aumentata.

A causa della riduzione dell'export e del traffico merci per le restrizioni dovute alla pandemia, l’Osservatorio si attende per la logistica conto terzi una contrazione del mercato del -9,3% nel 2020, con un fatturato previsto di 77,8 miliardi di euro, contro gli 86 del 2019 e gli 84,8 del 2018. Un calo che però non è stato omogeneo durante l'anno, registrando un crollo dei volumi durante la fase più acuta dell’emergenza per la maggior parte dei settori e dei canali di vendita, eccetto l'E-Commerce e i settori Food ed Healthcare, e una robusta ripresa a partire da giugno, quando i volumi sono aumentati del 6% rispetto allo stesso periodo del 2019. 

"L'emergenza Covid-19 ha messo a dura prova i sistemi logistici di committenti e fornitori di servizi, interrompendo il trend di crescita del settore registrato fino al 2019” - afferma Marco Melacini, Responsabile scientifico dell'Osservatorio Contract Logistics -. “Ma ha anche riportato la logistica al centro delle strategie aziendali, evidenziando la resilienza del settore, capace di reggere l'urto della pandemia e di operare anche in condizioni difficili. E, soprattutto, non si è fermata la spinta all'innovazione, con molte aziende che stanno cambiando passo nel loro percorso di digitalizzazione dei processi logistici e con l'ingresso sul mercato di tanti nuovi attori e soluzioni innovative capaci di attirare molti più finanziamenti rispetto al passato”. 

Le startup logistiche

Sono 501 le startup logistiche censite a livello internazionale dall'Osservatorio, in crescita del +57% rispetto al 2018, per un finanziamento complessivo pari 9,56 miliardi di dollari (+92%). 

Le startup più finanziate sono i fornitori di soluzioni hardware per le attività logistiche (85, +174%), con 3,28 miliardi di dollari raccolti (+913%); e i nuovi player della logistica che offrono servizi logistici innovativi in termini di area geografica, attività o tecnologie (160 startup, +45%), con quasi 3 miliardi di investimenti raccolti (+12%). Calano del 10%, invece, sia come numero sia come finanziamenti, le piattaforme che incrociano domanda e offerta di servizi logistici (85 startup, 1,42 miliardi di dollari raccolti). Le startup più numerose sono le nuove imprese che sviluppano software per la gestione dei flussi logistici, con 168 startup nel 2020 (+115%), che hanno ricevuto 1,86 miliardi di dollari (+400%). 

I Big Data nella logistica

L'emergenza ha messo in luce alcune fragilità del settore su cui sono necessari investimenti e miglioramenti che lo rendano più resiliente. Il boom dell'e-commerce e i cambiamenti delle tradizionali tratte di consegna delle merci hanno confermato la necessità di rafforzare la distribuzione locale. La crescita della domanda ha evidenziato alcuni limiti del trasporto intermodale, che dovrà essere potenziato. 

È cresciuta, al contempo, la consapevolezza dell'importanza della visibilità della supply chain e della digitalizzazione dei processi logistici, con particolare attenzione ai Big Data Analytics.

Le applicazioni di Big Data Analytics durante l'emergenza hanno aiutato le imprese a reagire alle difficoltà, accelerando i tempi di adozione delle tecnologie e consentendo di reinventare i processi, soprattutto per quanto riguarda la gestione delle scorte e la previsione della domanda.