Burn-out da smart working, rischi per gli startupper: come riconoscerlo e affrontarlo

Redazione BacktoWork 13/03/2021

Lo smart working, complice la pandemia, si è imposto come metodo lavorativo per tanti. Accanto agli effetti positivi del lavoro agile da casa ci sono delle controindicazioni come il cosiddetto burn-out, l’esaurimento nervoso. Il lockdown e le restrizioni non hanno fatto che pesare di più sul sistema nervoso di molti lavoratori. 

Secondo autorevoli analisi il carico di lavoro, con l’home working, è aumentato: le ore giornaliere lavorative si sono allungate, si fanno più riunioni e si inviano più mail di lavoro all'infuori dell’orario previsto. Gli startupper sono abituati all’home working e a orari di lavoro più lunghi e flessibili ma, in questo periodo più che mai, videoconferenze, call, webinar stanno diventando sempre di più e di difficile gestione, motivo per cui il rischio burn-out per gli startupper è molto alto. Esistono alcuni segnali che possono far capire quando sarebbe il caso di allentare la presa e ottimizzare la gestione dei carichi di lavoro.

Burn-out, quali sono i segnali

Come già detto gli startupper hanno sempre lavorato anche a casa ma la loro routine professionale era costellata di meetup, aperitivi, co-working e tutta una serie di attività che uniscono il lavoro alla socialità, per creare quel networking tanto importante per le startup. Ovviamente con l’inizio del lockdown tutti questi momenti si sono spostati in rete, e sono sempre di più. La cattiva gestione dell’accumulo di carichi di lavoro, per uno startupper, può portare al rischio burn-out, motivo per cui è bene dar retta a dei segnali di allarme. 

Lo studio condotto dalla Harvard Business School e New York University ha individuato, tra i possibili, alcuni casi particolari: tre campanelli d’allarme che uno startupper dovrebbe monitorare per non cadere in un esaurimento nervoso.

  • Il primo segnale è la difficoltà nel gestire chiamate, mail e consegne. Non rispondere  – o rispondere in ritardo – al telefono, alle mail o il ripetuto procrastinare le consegne accumulando ritardi è un indice del sovraccarico di lavoro.
  • Il secondo indizio, da ricondurre a un eventuale burn-out, è l’inefficienza nel lavoro. Se la qualità del proprio operato inizia a scendere, se non si è soddisfatti di quello che si fa e si tende a incolpare gli altri, probabilmente si sta andando incontro a un esaurimento nervoso.
  • L’ultimo, e forse più indicativo, allarme si attiva quando alle riunioni sopraggiungono i silenzi, quando si perde facilmente la pazienza o quando amarezza e poco orgoglio per i propri risultati hanno la meglio. 

I consigli per superare la fase di burn-out

Il burn-out è incluso nella Classificazione Internazionale delle Malattie e considerata come sindrome professionale risultante dallo stress cronico sul posto di lavoro. Ovviamente per uno startupper, in costante bisogno di idee innovative il venir meno della creatività, la perdita di interesse e la passività sono molto deleteri soprattutto se si considera che il suo ruolo non è sostituibile; prendersi una pausa significherebbe perdere parte del lavoro già fatto.

Affermati studi di psicologia del lavoro condotti da David Burkus - psicologo - hanno fornito alcuni preziosi consigli per affrontare questa delicata fase ed evitare che lo stress prevarichi.

  • Pianificare la propria giornata lavorativa con degli orari, all’infuori dei quali è consigliato ignorare mail o altri strumenti di lavoro.
  • Accantonare i device usati per il lavoro. Sarebbe bene che i dispositivi di lavoro con quelli degli altri momenti della giornata non coincidessero in modo che anche psicologicamente avvenga uno stacco tra vita lavorativa e privata.
  • Uscire di casa, prendere un po’ di aria non può che migliorare l’umore.

 


Potrebbe interessarti anche:

startup & pmi

Startup: cosa sono e con quali obiettivi nascono

startup & pmi crowdfunding

Startup, misure e incentivi fiscali per superare la crisi

startup & pmi crowdfunding

Come investire i propri risparmi nel 2020


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!