Stefano Giussani, Pedroni Race: “La bicicletta ci porterà lontano”

Redazione BacktoWork 03/03/2022

Sullo sfondo, una passione assoluta per le bici. In primo piano, la voglia di provare a fare la differenza con un nuovo marchio che punta tutto sulla qualità e sulla produzione in Italia

Michele e Stefano si conoscono nel settembre del 2021 e, qualche mese dopo, hanno già sviluppato un concept, che a dicembre dello stesso anno si traduce nel marchio Pedroni Race. Siamo nel mondo della produzione di biciclette, un settore in grande espansione e di grandi cambiamenti, sia a livello di competenze che di filiera.

Michele Pedroni costruisce biciclette da downhill dal 1998. Ha dedicato la sua intera carriera alla progettazione, alla produzione e all’evoluzione dei telai. Sempre testate sui campi gara, le bici Pedroni hanno conquistato molti titoli assieme a Pedroni Kjub, uno dei più longevi club corse del settore.  

Stefano Giussani arriva dal mondo dell’aeronautica e la passione per le due ruote a pedali l’ha respirata in famiglia, da sempre. Lui rappresenta la porzione più business della start-up e assieme a Michele si completano in termini di competenze. L’obiettivo è quello di produrre in casa, in Italia, liberi dal vincolo delle importazioni del Far East.

Proviamo a capire, con le parole di quest’ultimo, in che modo Pedroni Race intende inserirsi, da protagonista, nell’attuale centralità delle due ruote nella vita quotidiana,

Elettriche, pieghevoli bike sharing: le bici sono ormai indiscutibilmente al centro della mobilità. Che cosa si può fare ancora per diffondere questa nuova cultura?

Credo sia molto importante agevolare la loro circolazione non solo in ambienti urbani, dove l’auto rappresenta un pericolo per il ciclista, ma anche in ambienti montani con sentieri dedicati alle biciclette. Facendo così si incentiva l’uso della bicicletta integrandola con le altre forme di mobilità.

Che cosa si può fare, in termini di comunicazione, per trasmettere l’entusiasmo verso l’experience a due ruote? 

Ci sono molti spunti per trasmettere l’entusiasmo di andare in bici. Chiunque abbia sperimentato il piacere di andare in montagna o di aver fatto escursioni in bicicletta, ha goduto di quella sensazione di indipendenza e di libertà che trasmette. Si può andare lontani (e ora con le e-Mtb ancora di più), vedere posti sempre diversi affidandosi a un mezzo molto semplice da utilizzare ma al contempo tecnologicamente sofisticato. Inoltre, la bicicletta viene percepita anche come una proiezione di come si vuole essere, del proprio stile di vita: dalla forma del telaio, ai colori, dai componenti semplici o ricercati, fino all’abbigliamento.

Che evoluzione c’è stata nell’ingegneria e nella qualità delle bici? 

Inizialmente c’era il “rampichino” importato dagli Usa. Poi, nel corso degli anni, gran parte delle tecnologie nate nell’ambito delle competizioni di downhill sono state trasferite nel mercato bici e Mtb: forcelle ammortizzate, sospensioni posteriori, freni a disco, la tecnologia dei copertoni… Anche i telai e la qualità dei materiali hanno vissuto un’importantissima evoluzione: si è passati dall’acciaio all’alluminio e, come ultimo step, il carbonio.

Rispetto agli anni ’90 o agli inizi di questo millennio, oggi c’è molta più cura nella progettazione di telai e componenti, mentre prima si procedeva molto più per tentativi, e la disponibilità di strumenti evoluti per la progettazione ha reso i prodotti moderni incredibilmente più performanti rispetto a quelli di 15-20 anni fa. 

Come si può fare innovazione nel vostro settore? Che tipo di ricerca e sviluppo viene fatta sul prodotto?

L’innovazione si può fare soprattutto attraverso la progettazione del telaio, un processo lungo e complesso che richiede moltissima esperienza sul campo. Si devono far coincidere design e performance. Lo studio si compone di due fasi: la prima consiste nella scelta e nella composizione del laminato di carbonio che a seconda della grammatura e della disposizione può generare risultati anche molto differenti.

La seconda riguarda il sistema di sospensione, cioè il modo in cui le varie parti del telaio si muovono e interagiscono fra di loro per ottimizzare l’efficienza della pedalata e l’assorbimento dei colpi.

È proprio così che completiamo l’innovatività del prodotto. Stiamo infatti depositando un brevetto di una cinematica che conferisce caratteristiche di risposta molto migliori rispetto agli schemi classici.

Un altro modo di innovare, per noi, consiste nell’individuazione di partner che abbiano la nostra stessa visione, in merito all’importanza di innovare nella componentistica.

Pedroni Race

Biciclette ed e-bikes ad alte prestazioni, hand-made in Italia

Scopri il crowdfunding →

Che cosa si impara dal mondo delle competizioni? E come funziona il travaso tecnologico da queste alla produzione di serie? 

Sicuramente, la cosa che si impara dal mondo racing è il saper trovare soluzioni tecnologiche che permettano di migliorare le performance. Pertanto, l’innovazione nei materiali, nei componenti e nel telaio è fondamentale per poter eccellere in questo mondo.

Ogni modello si porta dietro un po’ di lezioni dai campi gare e queste vengono tradotte in aggiustamenti, innovazioni e alcune volte semplici modifiche che rendono il mezzo migliore.

Quali sono i vostri competitor e che cosa vi distingue dalla concorrenza? 

I nostri competitors sono a livello internazionale. In particolare ci sono una decina o forse più di costruttori che fanno prodotti simili a quelli che facciamo noi e sono molto più affermati. Tuttavia, analizzandoli, abbiamo notato come il 90 percento di loro non produce in casa, ma in Oriente.

Data l’attuale difficoltà di approvvigionamento da Cina e Taiwan è per noi un grosso vantaggio competitivo quello di poterci fare il telaio in casa.

Inoltre, con Pedroni Race, vogliamo sottolineare quanto importante sia la qualità costruttiva del mezzo. E proprio per questo implementeremo anche un protocollo molto stringente per il controllo qualità, non solo sul processo ma anche sul prodotto finale. 

Oltre ai protagonisti del mondo delle gare quali sarebbero i vostri ambassador ideali?

I nostri ambassador ideali sono quelli che credono nel progetto e che lo sponsorizzano senza doverglielo chiedere, è una cosa ovvia, che provengano o meno dai campi gara. E poi ci sono tutti coloro che hanno provato i prodotti di Michele e hanno sperimentato in che modo possono fare la differenza. Credo che quelli siano i veri entusiasti con cui vogliamo rapportarci.

Che know how e quali best practice si possono mutuare da altri ambiti della produzione, sia in termini di materiali, che di tecnologie e processi? 

Inizialmente vorremmo applicare alcuni processi dell’automotive alla nostra produzione, sia per migliorare il prodotto che per velocizzare i processi, dato che vogliamo anche entrare in settori diversi da quello ciclistico. Quello aeronautico è quello sicuramente più interessante e tecnologicamente più avanzato e stimolante.

State facendo analisi e sviluppando strategie per presidiare mercati anche al fuori dai confini nazionali? 

La strategia di vendita che abbiamo da subito pensato si basa sulla piattaforma digitale. Per poterci muovere anche fuori dai confini nazionali, è fondamentale aver una soluzione digitale che ti permetta di entrare velocemente in altre nazioni. Per cui Italia in primis, ma Francia, UK, Germania e Spagna subito dopo. 

Quali sono gli obiettivi della campagna di crowdfuding? 

L’obiettivo principale è lanciare la e-MTB e poter acquistare gli allestimenti necessari per vendere le prime serie. In aggiunta è necessario munirsi anche di un’autoclave che permette di essere più veloci nella produzione dei telai. Per cui l’obiettivo minimo è raggiungere i 100 mila euro di raccolta. Idealmente più si raccoglie e più possiamo investire sulle e-MTB e sviluppare il segmento come da business plan. 

Quali sono gli sviluppi futuri del progetto e gli obiettivi a medio-lungo termine?

Siamo consapevoli di rivolgerci a un settore di nicchia, per cui non ci aspettiamo produzioni sul medio-lungo termine di decine di migliaia di pezzi.

Quello che, invece, riteniamo possa essere un obiettivo raggiungibile è avere clienti molto fidelizzati, poiché questo è ciò che rappresenta la prova migliore di un prodotto che punta tanto sulla qualità.

Come intendete raggiungerlo?

Con una presenza costante sui campi gara, con un’assistenza multicanale, e sponsorizzando la creazione di un Accademy per i giovani che vogliono affacciarsi a queste discipline.




Potrebbe interessarti anche:

startup & pmi crowdfunding

Startup, misure e incentivi fiscali per superare la crisi

startup & pmi crowdfunding

Come investire i propri risparmi nel 2020

crowdfunding

News, interviste ed approfondimenti di BacktoWork e del mondo dell'equity crowdfunding


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!