startup & pmi

Product - Market Fit: cos'è e come misurarlo

Redazione BacktoWork 18/11/2020

Per usare le parole dell’imprenditore e investitore Marc Andreessen, a cui viene attribuito il merito di aver diffuso e reso popolare il concetto, Product - Market Fit significa “essere in un buon mercato con un prodotto che può soddisfare quel mercato”. Raggiungere il Product - Market Fit (PMF) è dunque un passaggio cruciale per ogni startup perchè descrive lo scenario in cui il mercato dimostra un certo grado di interesse e soddisfazione per il prodotto/servizio offerto, acquistandolo, utilizzandolo e mostrando di riconoscerne il valore e i benefici. Significa essere riusciti a creare e offrire un prodotto “adatto” al mercato, che ha la capacità di soddisfare un bisogno e che i clienti target desiderano, acquistano e apprezzano

Per una startup raggiungere il PMF è indispensabile per crescere e ampliare rapidamente la base clienti. Ma non basta avere un buon prodotto ed operare in un grande mercato: è altrettanto importante saper raggiungere nuovi potenziali clienti e saperli trasformare in clienti paganti, individuando un modello di business e una strategia di marketing che permettano di sostenere la crescita della domanda in modo profittevole. 

Come misurare il Product - Market Fit

Esistono diversi metodi per calcolare il PMF. Il più famoso e veloce è la regola del 40% di Sean Ellis. Questo metodo consiste nell’effettuare un sondaggio e chiedere ai propri clienti come si sentirebbero se non potessero più avere accesso al prodotto / servizio che l’azienda offre. Se almeno il 40% dei clienti dichiara che si sentirebbe “molto deluso”, significa che si è raggiunto un adeguato Product - Market Fit. In alternativa, si può verificare se almeno il 40% dei clienti intervistati considera il prodotto o servizio come un "must have". 

Altre metriche analitiche che permettono misurazioni più accurate del PMF possono essere: il tempo sul sito, le pagine per visita, i visitatori che ritornano e il tasso di rimbalzo/abbandono, nel caso di un business online come un ecommerce; il numero di utenti acquisiti tramite passaparola o il numero dei clienti che consiglierebbero il prodotto/servizio ad amici e conoscenti; il churn rate, che indica la percentuale di clienti che interrompono la relazione con l’azienda in un certo periodo di tempo. 


Potrebbe interessarti anche: