Nuovo slancio per startup e scaleup: in Italia è record di finanziamenti

Redazione BacktoWork 28/03/2021

Nonostante sia stato un anno molto negativo per l’economia, il 2020 ha visto crescere gli investimenti in startup e scaleup italiane come non succedeva da cinque anni. È il dato più interessante che emerge dal Venture Capital Barometer 2020, l'analisi di EY realizzata in collaborazione con VC Hub Italia, che ha calcolato in 569 milioni di euro i finanziamenti complessivamente erogati dai fondi di venture capital a favore di aziende innovative che si trovano nei primi anni di attività.

Cresce il valore, si riducono le operazioni

Rispetto al 2019, quando i capitali raccolti si erano attestati a 367 milioni di euro, l’ammontare degli investimenti è risultato in crescita del 55% pur in presenza di una riduzione del 37% del numero dei deal (111 nel 2020 contro 175 nell’anno precedente). 

Un incremento significativo nei finanziamenti di VC che ha permesso all'Italia di accorciare le distanze con le altre grandi economie europee, sebbene il gap che il nostro Paese ha accumulato appaia difficilmente colmabile in tempi brevi: la Gran Bretagna ha infatti registrato 8 miliardi di capitali investiti e 773 operazioni, la Germania 4,3 miliardi di investimenti e 394 operazioni, seguita dalla Francia con 3,9 miliardi e 407 operazioni. 

Fra i segnali positivi che si possono cogliere dal report di EY c’è anche l'aumento del valore medio dell’investimento, passato da 2,1 milioni del 2019 a 5,1 milioni del 2020. Rispetto all’anno precedente, in particolare, è raddoppiato (da 7 a 14) il numero delle operazioni che hanno fatto registrare una raccolta di capitale maggiore di 10 milioni di euro.

"Nel 2020 pochi aspetti della vita di ognuno di noi sono stati immuni da cambiamenti e così è stato anche per la natura degli investimenti in innovazione in Italia” - commenta Francesco Cerruti, Direttore Generale di VC Hub Italia, associazione del venture capital, degli investitori in innovazione e delle startup e PMI innovative -. “A fronte di un numero calante di operazioni, abbiamo assistito ad una loro maggiore concentrazione che permette così al nostro Paese di ripercorrere le orme di alcuni fra gli ecosistemi europei innovativi più maturi. Il trend del 2020 ci mostra infatti un nuovo slancio nel modo di investire in innovazione che premia le realtà con maggiore potenziale e margine di crescita".

I cinque settori più attrattivi

Il settore che nel 2020 ha attirato maggiormente l’attenzione degli investitori è stato quello del Fintech, con più di 173,4 milioni di euro raccolti da 15 startup e scaleup italiane. L’Italia si trova allineata al trend europeo, che ha visto il Fintech confermarsi come il mercato che ha ricevuto il maggiore apporto di capitali.
La pandemia da Covid-19 ha avuto un impatto particolarmente rilevante sul settore Healthcare & Life Science, che in Italia ha conquistato il primo posto per numero di investimenti, con 16 operazioni, e la seconda posizione per ammontare investito, con 101,8 milioni di euro. 

Altri settori innovativi capaci di attrarre una importante quota di capitali sono stati: Food & Beverage (66,1 milioni), Software & Digital Services (58,9 milioni) e Transportation & Delivery (43,4 milioni). Nel loro insieme questi comparti hanno assorbito il 78% dei capitali investiti da fondi di venture capital nel nostro Paese nel 2020

Gli effetti della pandemia e del conseguente lockdown sul comparto EdTech sono stati invece limitati, probabilmente a causa della presenza in Italia di realtà innovative ancora poco mature. In Europa, per contro, nel 2020 si è registrato un trend completamente diverso, che ha fatto emergere ulteriormente le potenzialità di un settore relativamente maturo e ben sostenuto dai governi.

I primi cinque round per valore dell’investimento

Le operazioni che nel corso del 2020 hanno raccolto i finanziamenti più consistenti sono quelle che hanno interessato Satispay (93 milioni raccolti da investitori internazionali del calibro di Square, Tencent e Lgt Lightstone, oltre all’italiana Tim Ventures), Aidexa (su cui Generali, Banca IFIS e Banca Sella hanno investito 45 milioni di euro), Cortilia (34 milioni raccolti lo scorso dicembre da P101 Ventures, Primomiglio SGR, Five SeasonsVentures, Red Circle Investment e Indaco SGR), Enthera Pharmaceuticals (protagonista di un round serie A da 28 milioni con AbbVie, Sofinnova Ventures e Indaco SGR) e Milkman (25 milioni da 360 Capital Partners, Vertis SGR, P101 e Poste Italiane).

Lombardia in testa tra le regioni

Quanto alla distribuzione geografica degli investimenti, al primo posto troviamo la Lombardia, dove si concentra il maggior numero di operazioni (55 su 111) con una raccolta complessiva di 391,6 milioni di euro, pari al 68,8% del totale nazionale. Secondo posto per il Piemonte, con 10 operazioni e 46,6 milioni di euro di capitali raccolti (8,2% del totale), mentre in terza posizione troviamo il Lazio, che con 11 deal ha attratto investimenti per 29,3 milioni di euro (5,1% del totale). Seguono il Veneto (29,2 milioni di euro raccolti - pari al 5,1% del totale - in 4 operazioni) e la Toscana (6 deal per 24,6 milioni di euro, corrispondenti al 4,3% del totale). 


Potrebbe interessarti anche:

startup & pmi

Startup: cosa sono e con quali obiettivi nascono

startup & pmi crowdfunding

Startup, misure e incentivi fiscali per superare la crisi

startup & pmi crowdfunding

Come investire i propri risparmi nel 2020


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!