EBITDA: un indicatore della redditività e del valore di un'azienda

Redazione BacktoWork 26/04/2021

Tra i diversi parametri a disposizione degli analisti e degli investitori per valutare lo stato di salute di un’azienda, le sue performance economico-finanziarie ma anche le potenzialità di crescita nel lungo periodo, uno dei più utilizzati a livello internazionale è rappresentato dell’EBITDA. Questo indicatore - che nella prassi in Italia viene assimilato al Margine Operativo Lordo - consente di misurare la capacità dell’azienda di generare profitti attraverso la propria attività imprenditoriale, prendendo in esame solo la componente operativa (il valore della produzione) ed escludendo le componenti eccezionali, non ricorrenti nel tempo, oppure legate alla gestione finanziaria e fiscale.

Proventi od oneri finanziari e straordinari e imposte d’esercizio possono infatti incidere significativamente sui risultati di bilancio, fornendo una visione distorta dell’andamento del business aziendale in senso stretto. Il ricorso ad un indicatore come l’EBITDA permette invece di valutare e comparare le aziende in maniera oggettiva, sulla base del loro margine di redditività e della capacità di produrre flussi di cassa dalla gestione operativa ordinaria.

EBITDA, MOL, EBIT: calcolo e differenze

L’EBITDA - acronimo dell’espressione inglese Earnings Before Interests, Taxes, Depreciation and Amortization - esprime il risultato operativo della gestione ordinaria prima dell'applicazione di oneri finanziari, imposte e ammortamenti

La formula più comune per calcolarlo è la seguente:
Valore della produzione - Costi operativi (di struttura, materie prime, personale, servizi, ecc.) - Accantonamenti.

La differenza con il Margine Operativo Lordo (MOL) è rappresentata unicamente dagli accantonamenti, che nell'EBITDA sono già dedotti e quindi già considerati nel risultato, mentre nel MOL non lo sono. Tuttavia in molti casi questa differenza, che è riassumibile nella formula MOL - Accantonamenti = EBITDA, non trova applicazione e si tende di fatto a far coincidere i due indicatori, assimilando l’EBITDA al MOL (Valore della produzione - Costi operativi).

L’EBITDA si distingue inoltre dall’EBIT (Earnings Before Interests and Taxes) con riferimento agli ammortamenti, perché quest’ultimo esprime il risultato operativo della gestione ordinaria prima della deduzione degli oneri finanziari e delle imposte. La distinzione è riassumibile con questa formula:

EBITDA (MOL - Accantonamenti) - Ammortamenti = EBIT.


Potrebbe interessarti anche:

business management industry

Industria 4.0: i profili professionali più richiesti nel 2020

business management innovation economy

L'Innovation Manager: chi è, cosa fa, quanto guadagna

business management

Il cyber security manager: chi è, cosa fa, quanto guadagna


Iscriviti alla newsletter

Se vuoi essere sempre aggiornato sui trend e sulle ultime notizie dal mondo dell'innovazione e delle startup iscriviti alla nostra newsletter!