startup & pmi innovation economy

Decreto Rilancio, 1 miliardo di fondi per le Startup innovative

Chiara Riva 23/05/2020

Il ​ Decreto Rilancio è il provvedimento adottato dal Governo Conte per far ripartire l’economia italiana dopo la grave crisi dovuta all’emergenza sanitaria da Coronavirus. Nel lungo testo di legge – approvato da Sergio Mattarella nella serata di martedì 19 maggio – trova riscontro una particolare attenzione ​ per il mondo delle Startup innovative in Italia​. Il Governo, infatti, ha stanziato ​ un miliardo di fondi ​ per sostenere le startup innovative che, certamente, sono una tipologia di impresa che ha risentito in modo particolare di questa forte crisi economica. Il capo X del Decreto Rilancio è intitolato ​ “Misure per l’Innovazione Tecnologica” e presenta alcuni provvedimenti davvero importanti per il mondo delle startup innovative.

Decreto Rilancio: i fondi per le Startup innovative

L’obiettivo del Decreto Rilancio è soprattutto quello di dare vita a un ​“Rafforzamento dell’ecosistema delle startup innovative”. ​ E non è un caso che l’art. 38 del Capo X agisca proprio sulla misura ​ Smart​ & ​ Start – voluta fortemente dal Governo – e che spinge su due versanti: il primo sull’incremento della dotazione finanziaria; il secondo, invece, sull’ampliamento della capacità di azione per le startup innovative. Con il Decreto Rilancio si dà il via a un sostegno pubblico importante grazie alla presenza di uno ​strumento agevolativo per la conversione del prestito; si tratta dell’ingresso di un investitore nel capitale sociale ad aumento di capitale.

Il comma 3 dell’art. 38 prevede un ​incremento della dotazione al Fondo di sostegno al venture capital con risorse aggiuntive per 200 milioni per l’anno fiscale 2020. Inoltre, con il Decreto Rilancio – come confermato dal comma 6 dell’art. 38 – si ​concedono 200 milioni aggiunti al Fondo di garanzia Pmi in favore delle startup innovative. Importante novità anche in ambito fiscale: il comma 7 stabilisce un’importante defiscalizzazione per il credito d'imposta pari al 50% per chi investe in startup innovative​; in tal senso, rispetto a quanto stabilito con la Legge di Bilancio 2019, si ha un incremento del 20% (passando dal 30 al 50). Resta valido un paletto: l’investimento detraibile, in ciascun periodo d’imposta, non può eccedere i 100mila euro e deve essere mantenuto per almeno 3 anni. 

Tra le altre misure prese in esame dal Decreto Rilancio in favore delle startup innovative, si ​segnala un fondo da 500 milioni di euro per quanto concerne il Trasferimento Tecnologico​. L’art. 42 prevede che questa dotazione finanziaria, valida per il 2020, sia finalizzata alla promozione di iniziative e investimenti utili alla valorizzazione e all’utilizzo dei risultati della ricerca con particolare riferimento alle startup innovative.


Potrebbe interessarti anche: